Maschera viso purificante e rimineralizzante all’argilla bianca (caolino) 6


Maschera viso purificante e rimineralizzante all’argilla

bianca (caolino)

Prepariamo la pelle ai raggi del sole estivo, purificandola e schiarendola con maschere all’argilla (NB: esporsi al sole sole con la dovuta protezione!).

Il caolino

L’argilla, costituita da un insieme di minerali tra cui silicio, alluminio, ferro, calcio, magnesio e potassio, è veramente un toccasana per tutti i tipi di pelle, conosciuto fin dall’antichità: tonifica, purifica, migliora la circolazione, ecc. Il caolino (o argilla bianca) porta in superficie le impurità, è un ottimo anti-infiammatorio e migliora la circolazione riducendo anche la comparsa di rughe. In dermocosmesi, le argille sono materiali largamente impiegati per preparare maschere ed impacchi dalle proprietà detossinanti, idratanti, lenitive, antinfiammatorie ed antiacneiche. Le argille in base alle loro caratteristiche chimico-fisiche, sono in grado di interagire con la cute predisponendola a ricevere i principi attivi funzionali in esse incorporati. 

 

Ingredienti

Caolino                                100 g

Gel d’aloe vera                       40 g

Idrolato di amamelide            30 g    

Ossido di zinco                       10 g

Olio di mandorle dolci                5 g

O.E. tea tree                       30 gocce

O. E. lavanda                     20 gocce

Gard PC                                        0.6 g

Preparazione e conservazione

Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotolina, amalgamando bene prima il caolino con l’ossido di zinco “a secco”, poi aggiungere l’idrolato di amamelide e il gel d’aloe mescolando accuratamente fino a raggiungere la consistenza di una crema pastosa.

    Aggiungere l’olio di mandorle e mescolare nuovamente. L’aggiunta di un olio vegetale farà sì che il composto preparato duri a lungo mantenendo la consistenza cremosa, senza seccare.  Inoltre, aiuterà la pelle a rimanere morbida sotto l’azione astringente dell’argilla bianca. Aggiungere a questo punto oli essenziali e conservante e riporre in un contenitore pulito, dotato di tappo di chiusura.

La nostra maschera si conserverà così per diversi utilizzi, comodamente nello scaffale del nostro bagno.

Consigli d’uso

Si consiglia l’applicazione, con le dita o con un pennello, di un abbondante strato di composto su tutto il viso ben deterso (evitando la zona del contorno occhi e le labbra). Lasciare la maschera in posa per qualche minuto. Se la sensazione di secchezza e di “pelle che tira”, dovuta all’evaporazione dell’idrolato, dovesse risultare fastidiosa, inumidire la maschera con un batuffolo di cotone imbevuto di acqua. Passati i minuti di posa (da 5 a 10) risciacquare accuratamente con acqua tiepida. Tamponare il viso con un tonico e applicare la crema idratante massaggiando fino a completo assorbimento.

La maschera al caolino può essere usata come “step” nella pulizia profonda del viso: dopo aver passato il latte detergente su tutto il viso, avere effettuato uno scrub e aver una detersione con acqua e sapone, procedere alla posa della maschera. Dopo questa procedura, che consiglio di effettuare una volta a settimana, la pelle sarà come …nuova! E pronta per assorbire i principi attivi di fluidi e creme e, perché no, della giusta dose di raggi solari!


Lascia un commento

6 commenti su “Maschera viso purificante e rimineralizzante all’argilla bianca (caolino)

  • serenasupersonica

    mmmm…. questa maschera mi sembra un ottima idea! secondo voi quante applicazioni posso fare con queste quantità?
    forse mi conviene cominciare con mezza dose… vi seguo sempre con piacere!

    • admin L'autore dell'articolo

      Grazie Serena! Guarda, in genere con questa quantità io riesco a fare 4 – 5 applicazioni. Contando un’applicazione settimanale, questa quantità può durare un mese e mezzo circa 🙂 Se non l’hai ancora provata sul tuo viso e preferisci prepararne una dose più piccola, puoi dimezzare tranquillamente le dosi di tutti gli ingredienti.

  • letizia

    l’idrolato e gli oli essenziali che avete usato ,vanno bene per la mia pelle sensibile con tendenza al secco e con coouperose ? vorrei fare questa vostra ricetta grazie

    • admin L'autore dell'articolo

      Ciao Letizia! Grazie per la tua interessante domanda. L’idrolato di amamelide è perfetto per i problemi di couperose e pelle con tendenza alla secchezza perché è altamente lenitivo. Per quanto riguarda gli oli essenziali, non sono aggressivi, ma ti consiglio di provare a dimezzarne le dosi, come primo tentativo di applicazione. La reazione delle diverse pelli alle stesse sostanze è molto soggettiva, quindi fai questa prova e vedi come ti trovi. Per quanto riguarda invece la base della maschera, il caolino, è una delle argille migliori per le pelli sensibili e secche, perché non è eccessivamente sgrassante e risulta abbastanza delicata. Prova e facci sapere! Ci interessa molto il tuo riscontro.

      • letizia

        fatta e mesa stamattina ,pero’ non mi è venuta cremosa come la vostra ma abbasanza duretta ,applicata ovviamente con le mani ,
        1) quando lho applicata bruciava parecchio .ma poi passando i minuti un po meno ,tenuta in posa 5 minuti bagnandola ogni tanto
        2)ho messo la meta’ degli oli essenziali che mi avete consigliato
        volevo chiedervi se è normale che deve bruciarmi il viso e poi non so dove ho sbagliato con la preparazione ,la prossima volta cerchero’ di farla meglio ,mi piace questa maschera ,l’unica cosa che mi preoccupa un po’ e che su di me brucia parecchio , comunque sono soddifatta pelle liscia luminosa .aspetto consigli grazie se magari devo cambiare gli oli essenziali

        • admin L'autore dell'articolo

          Ciao Letizia! Grazie per il riscontro. Il leggero bruciore può essere normale, per l’effetto dell’argilla che, pur essendo tra le più delicate, ha comunque un’efficace azione sgrassante. E anche l’effetto “pelle che tira” un po’ fastidioso è dovuto all’asciugatura della maschera quando è ancora in posa. Ottima l’idea di inumidirla per evitare che asciughi completamente. Puoi eventualmente omettere del tutto gli oli essenziali, per renderla ancora più delicata. La consistenza della maschera è quella di una pasta abbastanza densa, tipo dentifricio per intenderci. Se la preferisci un po’ meno densa puoi aggiungere qualche goccia d’acqua al momento dell’uso oppure mezzo cucchiaino di olio vegetale. Tieni conto che comunque la reazione della pelle ad ogni preparato è molto soggettiva. Se per te questa maschera dovesse risultare ancora troppo aggressiva ti consiglio eventualmente di sostituire già la base di argilla bianca con dell’amido di riso: sgrassante ancora efficace, ma meno aggressivo. Facci sapere! Un carissimo saluto