Sapone emolliente al burro di Karité 2


Sapone colorato emolliente al burro di karité

Fare il sapone solido in casa, con il metodo classico dell’uso di soda caustica, richiama la tradizione delle nostre nonne che lo confezionavano regolarmente per lavare il bucato, riciclando il grasso animale o gli oli vegetali. La riscoperta dell’autoproduzione di sapone solido in casa porta ad un notevole risparmio, una maggiore consapevolezza della qualità di quello che usiamo per detergerci e …un’attività creativa e divertente che si può condividere anche con i bambini più grandicelli! Con poche semplici precauzioni infatti si possono tranquillamente produrre saponette colorate e profumate da usare nel proprio bagno.

Q473396_Savon-marbrage-tourbillon_opt riciclo-olio-esausto-detersivo-sapone-fai-da-te-bucato-3

..Un po’ di chimica:

Il sapone è essenzialmente composto a partire da pochi reagenti quali: uno o più oli vegetali (oliva, mandorle dolci, semi di girasole, ricino, cocco, ecc..) o burri vegetali (cacao, karité, mango, ecc…) uniti all’acqua naturale e alla soda caustica (NaOH). Questa permette di trasformare i grassi (o trigliceridi) presenti negli oli in un sale organico, che è appunto il sapone! La reazione libera naturalmente molecole di glicerina, che rimangono all’interno del panetto di sapone, rendendolo più delicato ed emolliente. 

La reazione generale è la seguente:

Risultati immagini per reazione di saponificazione

Ecco la nostra ricetta!

Ingredientikarite soap

Olio oliva 300g

Olio mandorle dolci 75g     

Olio ricino 25g

Burro karité 100g

Acqua demineralizzata 150g

Soda caustica (NaOH)  63g

Miche colorate per saponi  30g

Fragranza per sapone a piacere 40ml

O.e. di menta piperita 50 gocce

 

Strumentazione occorrente

guanti in lattice 

occhiali protettivi

mascherina

contenitori in pyrex (almeno 2)

cucchiai di legno o spatole “leccapentola”

stampini in silicone

 

Procedimento

Utilizzando il “metodo a freddo”, in cui non è necessario scaldare gli oli perché si sfrutterà il calore emanato dalla reazione della soda caustica disciolta in acqua, pesare oli e burri in un recipiente.

pesata oli sapone        mescolo burro e oliKarité in oli

Pesare la soda caustica e versarla nella quantità di acqua già precedentemente misurata. Versare la soluzione caustica negli oli e frullare fino a raggiungere il nastro (consistenza cremosa).

fase nastro

La fase “nastro”

mescolo sodamescolo sapone immersione

Aggiungere le fragranze mescolando bene e versare negli stampini di plastica o silicone prima che il nastro di sapone si indurisca troppo.

formine sapone stella 2

Variante “scrubbante”

per ottenere un effetto scrub delicato ma efficace, aggiungere alla crema di sapone qualche cucchiaio di farina di cocco (cocco grattugiato) e mescolare. Versare negli stampini.

Variante “colorata”

per aggiungere alle nostre saponette un tocco di colore, che richiami la fragranza esotica e fresca del cocco e della menta, possiamo inserire qualche cucchiaio di mica in polvere agli oli della fase grassa e poi procedere alla saponificazione.  aggiunta miche 1

NB: usare guanti protettivi e mascherina, non versare l’acqua sulla soda in polvere, ma fare il contrario!

Attendere 24 ore prima di rimuovere il sapone dagli stampi, o comunque farlo quando sia completamente solidificato. Attendere un periodo di stagionatura di almeno 5 settimane in luogo fresco e asciutto prima di utilizzare tranquillamente il sapone.

alchemis soap

Regole di base per l’autoproduzione:
Lavarsi abbondantemente le mani prima di iniziare qualunque operazione ed utilizzare guanti mono-uso (in lattice o nitrile) durante la preparazione.
Disinfettare gli strumenti (bicchieri, cucchiai, spatole, contenitori, ecc.) e i contenitori destinati ad essere utilizzati.
Igienizzare adeguatamente le superfici di lavoro.
Utilizzare sempre occhiali protettivi durante la preparazione.
In caso di contatto accidentale di qualunque sostanza con gli occhi lavare abbondantemente con acqua corrente.
In caso di contatto accidentale con la pelle da parte di sostanze irritanti o corrosive lavare abbondantemente con acqua corrente.
Testare una piccola porzione di preparato nella parte interna del gomito ed attendere 48h per verificare l’eventuale presenza di reazioni allergiche.
Etichettare adeguatamente la preparazione riportando gli ingredienti e la data di preparazione.
Se si notano cambiamenti chimico-fisici nella preparazione quali, ad esempio, variazione di colore e/o odore, sviluppo di gas, cambiamento di pH,variazione di viscosità, gettare il preparato.

Le ricette ivi riportate rappresentano un esempio di utilizzo degli ingredienti presenti sul sito www.camelis.it. Non si assume alcuna responsabilità per danni a persone o cose derivanti dalla manipolazione degli ingredienti e dall’uso del prodotto.


Lascia un commento

2 commenti su “Sapone emolliente al burro di Karité

  • serenasupersonica

    buongiorno a tutti! 🙂

    ho una domanda, purtroppo sono riuscita a far irrancidire ben mezzo kg di burro di karite, posso usarlo per un sapone? ho pensato che chimicamente subisce una trasformazione con la saponificazione… magari in questo modo lo recupero…. o devo per forza buttarlo?
    ed in caso positivo come potrei impiegarlo tutto senza quintuplicare le dosi sopra indicate?
    come potrei cambiare le dosi e fare un sapore SUPER nutriente al burro di karitè?
    grazie mille

    serena

    • admin L'autore dell'articolo

      Buongiorno Serena! Grazie per le tue interessantissime domande. Spesso capita che i burri vegetali irrancidiscano e che ci si chieda come riutilizzarli al meglio, essendo ingredienti pregiati. Ti consiglio di utilizzare la stessa ricetta in versione normale (non colorata o scrubbante, per intenderci) e ricavarne così un ottimo sapone da bucato (che eventualmente puoi grattugiare ed usare in scaglie). Non utilizzerei un burro vegetale irrancidito per produrre saponi da bagno e ad uso personale perché tenderebbe ad irrancidire molto velocemente lo stesso sapone prodotto. Per quanto riguarda invece l’aumento delle dosi di burro nella ricetta, purtroppo non è possibile perché la reazione di saponificazione è molto sensibile alle dosi usate: se cambi il peso degli oli/burri, devi ricalcolare il peso della soda mediante applicazione del giusto coefficiente. Per cui, se vuoi utilizzare tutto il tuo burro di karité devi ripetere la ricetta. Buon sapone!! Un caro saluto!